“L’obiettivo è fare di Taranto l’acciaieria più verde e sostenibile d’Europa. Poi sarà necessario che l’Italia e l’Europa facciano un grande lavoro per tutelare un prodotto di alta qualità e sostenibilità, il cui prezzo rischia però di essere maggiore di quello dei concorrenti non sostenibili”


CdS Olimpio: “…Gli Stati Uniti colpiscono con i caccia le posizioni delle milizie sciite in Siria e Iraq. Almeno quattro i morti in una rappresaglia in risposta a precedenti attacchi contro loro installazioni…L’intelligence ha spiegato che su ispirazione di Teheran le fazioni hanno creato piccoli nuclei, addestrati dai pasdaran (volontari di un corpo paramilitare iraniano), ai quali è stata affidata la missione di infastidire il nemico occidentale…Washington ha alzato la voce, ha messo una taglia di 3 milioni di dollari su chi fornirà informazioni utili a scoprire i responsabili delle provocazioni ed ha poi affidato la ritorsione all’aviazione…La conseguenza è che l’area diventa l’arena per i duellanti. Situazione intollerabile per Bagdad, condizionata da fattori esterni. Ha bisogno della sponda statunitense, vuole contenere lo strapotere delle forze pro-Teheran, deve difendere la sua sovranità calpestata…”


ST Bibl Aurélia Michel, Il bianco e il negro, indagine storica sull’ordine razzista, Ed. Einaudi
Di Cesare: “…la duplice condanna che ha colpito il razzismo: quella dell’etica, che a Norimberga ha pronunciato un giudizio inappellabile, e quella della scienza, che ha indicato nella ‘razza’ nient’altro che un’invenzione…Il paradosso dell’epoca postnazista è un razzismo senza razze…La tesi di fondo del libro è che ‘l’istituzione razzista’ subentra alla più antica ‘istituzione della schiavitù’. Detto altrimenti: quando, alle soglie della modernità, la schiavitù entra definitivamente in crisi, un’altra forma selettiva, più subdola e perversa, si insinua…La parola ‘negro’ assume un valore decisivo perché, se da un canto indica l’equivalenza tra schiavi e africani, dall’altro segna il punto di svolta, il momento in cui la ‘razza’ subentra alla schiavitù…La ‘tratta dei negros’, quel capitolo buio e terrificante della storia europea, viene raccontato non per un interesse antiquario, bensì perché, malgrado le ribellioni, le rivolte e infine la rivoluzione haitiana del 1794, l’impero della schiavitù non è mai davvero terminato…L’apparente uscita dalla schiavitù dell’antichità conduce a un nuovo ordine ‘razziale’ che non è mai stato incrinato, neppure dopo il 1945…”

SEC XIX Ferrari (colloquio con Cingolani, Ministro della transizione ecologica): “Noi siamo pronti e siamo tutti d’accordo. L’unica soluzione è l’elettrificazione, passando poi all’idrogeno quando sarà possibile...L’acciaio verde prodotto dall’ex Ilva costerà di più di ciò che costano le produzioni meno verdi di molti concorrenti europei e mondiali. Questo è un tema. L’obiettivo è fare di Taranto l’acciaieria più verde e sostenibile d’Europa. Poi sarà necessario che l’Italia e l’Europa facciano un grande lavoro per tutelare un prodotto di alta qualità e sostenibilità, il cui prezzo rischia però di essere maggiore di quello dei concorrenti non sostenibili…L’intenzione del governo è accelerare, Acciaierie d’Italia potrebbe passare sotto il controllo pubblico entro fine 2021. Sullo sfondo restano le tensioni. La nuova cassa integrazione ha scatenato tre giorni di cortei a Genova, ma anche a Taranto il provvedimento è stato contestato. I diecimila lavoratori del siderurgico appaiono stremati dall’incertezza di reddito e di prospettiva…”

RI Intervista a Jean Paul Fitoussi (professore emerito all’Institut d’Etudes Politiques di Parigi e alla Luiss di Roma e direttore di ricerca all’Observatoire francois del conjonctures economiques)
De Giovannangeli: “…Abitualmente le elezioni regionali non sono favorevoli al governo. Il governo le perde abitualmente. Stavolta, però, le ha perse in un modo drammatico. Quella di En March non è stata una battaglia persa. E’ stata una sconfitta totale, un tracollo…Ed è una sconfitta totale anche dalla parte di Marine Le Pen, visto che neanche il Front National ha conquistato una regione. Il problema che si pone è quale significato possiamo dare a questo risultato alla luce del fatto che il tasso di astensione è stato enorme, il 66%. Solamente un terzo dei francesi ha votato….Tenendo presente il tasso altissimo di astensione, c’è comunque chi festeggia. E’ la destra neogollista. Con il 38% dei voti, Les Républicains e alleati sono la prima forza politica del Paese, e questo a un anno dal voto per l’Eliseo…I grandi temi su cui si giocherà la partita presidenziale sono la sicurezza innanzitutto. E poi i temi sociali, perché Macron vuole continuare a fare le riforme…c’è la possibilità di mettere a fuoco la riforma delle pensioni e di riordinare, cancellandone gran parte, le indennità di disoccupazione…Per una nuova stagione di crescita c’è bisogno di costruire nuovi diritti sociali, non di decostruire quelli già esistenti…Non è quello che sta succedendo, oggi, poiché si stanno invece riducendo i bilanci destinati all’istruzione. Lo abbiamo constatato, lo abbiamo sperimentato. Il risultato di tali politiche è stato quello di far balzare il tasso di disoccupazione a un livello mai visto dagli anni ’30. Ossia di ottenere una massiccia distruzione del capitale umano…”

Federica Bifulco 


Più letti

Venerdì, 10 Maggio 2019
Exco fiera di Roma
Martedì, 14 Maggio 2019
Exco 2019 15-16.17 maggio 2019
Venerdì, 10 Maggio 2019
EX AFRICA
Mercoledì, 29 Maggio 2019
kathmandu: La valle incantata

Ultime news