La strada, metafora dell'esistenza

Per comprendere il filo conduttore dell'opera drammatica di Wole Soyinka, è opportuno par-tire dall'anàlisi particolareggiata di The Road. E' questa una delle prime opere da lui scritte e preannuncia i molteplici temi sviluppati più specificatamente nelle opere successive.

In The Road questi temi sono tutti implicitamente e potenzialmente contenuti, all'interno di una più vasta cornice tematica che costituisce il motivo centrale di tutta l'opera soyinkiana: il conflitto tra l'uomo e il destino.

Si tratta di una tematica talmente ampia che è possibile circoscrivere in essa tutte le altre, ricomponendo così l'interezza della personalità umana ed artistica dell'autore.

The Road è senz'altro l'opera più completa di Wole Soyinka, nella quale egli raggiunge la sua migliore espressione teatrale. In essa egli sviluppa appieno la sua abituale capacità di creare personaggi vivi, che qui appaiono nella loro più completa Interezza. V opera ci mostra uno spaccato di vari problemi della Nigeria contemporanea, ma evidenzia in particolare un tema che non ha confini: il fatto che l'uomo è l'unico essere vivente che sa di dover morire.

L'autore dice che 1'uomo può accettare la morte, ma non accetta di dover morire senza alcuno scopo. Cosi, noi inventiamo significati e vi crediamo; ma poi questi significati finiscono per infrangersi, ogni volta che indaghiamo a fondo su di essi.

The Road fu scritta nel 1965 e rappresentata per la prima volta a Stratford on Avon.

L'azione si svolge nei pressi di un'autostrada in un posto qualunque della Nigeria, e descrive un giorno della vita di coloro che lavorano sulla strada.

Gli elementi che compongono la scena, la quale è unica per tutto lo svolgimento dei due atti, sono pochi, ma fortemente significativi per la comprensione dell'opera; una baracca, un autobus adibito a magazzino, il recinto del cimitero, la chiesa e la strada. Il professore, che è il personaggio principale, ha attrezzato il vecchio autobus come rivendita di pezzi di ricambio, pubblicizzandone la funzione con la scritta: "Aksident store". Questo .magazzino, facendo mostra dei vari pezzi ricavati dagli incidenti, è perfetto per il lustrare i temi e i problemi della strada e dei camionisti; inoltre, ricorda costantemente a coloro che vi giungono la presenza della morte. Il tema della morte sulla strada è successivamente simboleggiato dalla ragnatela situata all'interno della baracca, con l'insetto sempre in agguato, e dal cimitero che si scorge dal. la baracca stessa. Intorno al Professore ed al suo negozio ruotano diversi personaggi, che dipendono dalla strada per la loro sopravvivenza.

Vari sono quindi i tipi rappresentati: i camionisti, i loro aiutanti, i passeggèri e i nullafacenti che cercano di vivere alle spalle degli altri. L'azione comincia all'alta con il girovagare inquieto di Samson che cerca di svegliare gli altri protagonisti addormentati su giacigli di fortuna. Egli e  un personaggio molto versatile e mimico, che manifesta ampiamente le sue capacità di attore comico fungendo da veicolo di humour satirico, malgrado l'opera verta sul tema della morte. Samson, f in :,dalle prime battute con Salub}., autista privato in cerca di lavoro, esprime la sua amara ironia sognando tutto ciò che essi potrebbero fare se fossero milionari, o se almeno avessero un lavoro. Samson è un personaggio fondamentalmente buono ed onesto; egli è stato l'aiutante del camionista Kotonu, » ne ha condiviso i momenti più difficili e gli è talmente legato, che in tutte le sue azioni tiene presenti le esigenze dell'amico.

Basti dire che arriva a rifiutare di mangiare cibi che possono ricordare situazioni spiacevoli a Kotonu:

Samson: What is that? You haven't got stockfish

in there have you? Salubi: Stockfish? oh you mean this pania?

Certainly! O).

Koiltonu è quindi un ex-autista, che ha deciso di abbandonare tale lavoro perché e rimasto colpito psicologicamente da alcuni incidenti.

Questi hanno cadenzato la sua vita e gli hanno lasciato una tale impronta di paura, da togliergli il desiderio di continuare a lavorare sulla strada. In tal modo, egli rifiuta anche la vita, rimanendo in uno stato di passività e di assenza di volontà, ed essendo preda di ansie e di suggestioni. Tramite alcuni flashbacks, i protagonisti spiegano gli iincidenti di cui sono stati oggetto; ne risulta che Kotonu si sente come predestinato a finire sulla strada, sia perché in tal modo e  morto suo padre, sia perché è scampato miracolosamente ad un incidente mortale, sia perché pensa di avere offeso violentemente il dio Ogun, signore della strada e protettore dei camionisti.

La strada, che ha dato a quest'opera il suo titolo e che è al centro "della" sua azione, può essere considerata il principale simbolo del dio stesso e dell'abisso cosmico che Ogun attraversò. L'idea che la strada sia una entità vivente, un'unica cosa con Ogun, è espressa in maniera molto chiara nei già citati flashbacks e più precisamente nei versi pronunciati da Samson:

Kill  a dog Kotonu, before the hungry god lies and makes a substitute of me. That was a thin shave. A sensible man would see it as a timely warning but you? I doubt it. Hot for ali the wealth of a traffic policeman. Dog's intestines look messy to me he says-who asked me to like it? Ogun likes it that's ali that matters, It's his special meat. Just run over the damned dog and leave it nere, I don't ask you to stop and scoop it up for your next dinner."Serve Ogun his tit-bit so The Road won't look at us one day and say nono you two boys you look jucy to me. But what's the use? The one who won't give Ogun willingly will yeld heavier meat by Ogun's designing.

La strada, come Ogun, è strettamente legata sia alla vita che alla morte, perche' provvede di mezzi di sus¬sistenza per i camionisti, ma d'altra parte minaccia costantemente di ucciderli. La strada, però, è anche il simbolo dell'abisso cosmico che Ogun fu il primo ad attraversare quando si spinse con un salto potente dal mondo degli dei al mondo degli uomini. Egli si trovò così, per un momento, in una specie di spirituale "no man's land" (terra di nessuno), dove tutti i confi_ ni tra la vita e la morte, il tempo e l'eternità, gli , (Uccidi un cane, Kotonu, prima che il dio affamato lo sostituisca con.me.,. ', -Me la sono cavata per un pelo. Un uomo ragionevole la considererebbe un'avvertenza ,ma tu? Lo dubito. Per tutta la ricchezza di un poliziotto. Gli intestini del cane mi sembrano immondizia egli dice, chi mi ha chiesto di amarli? Ad Ogun piacciono, ecco il problema. E' il suo pasto dei e gli uomini, i morti, i viventi e i non ancora nati hanno cessato di esistere, Ogun, a rischio della sua propria vita, ha scoperto l'universale unicità (oneness). Egli sa che la vita e la morte non sono altro che due aspetti di un'unica, medesima cosa; che il tempo è solo una porzione dell'eternità; che i morti, i vivi e coloro che non sono nati esistono simultaneamente, ma su livelli differenti di esistenza. !Putto questo si è fatto subito chiaro" ad Ogun, durante il suo "breve percorso nell'abisso della transizione, nel golfo cosmico. Anche la strada è una specie di no-man's-land sebbene connetta tutti i luoghi,non e un luogo in se stesso, ma solo un legame che unisce e che si utilizza a rischio della propria vita.

(•/•) (speciale. Investi il cane dannato e lascialo li, non ti chiedo di fermarti per raccoglierlo per la tua cena. Servi Ogun così che la strada non ci guarderà un giorno e dirà...oh, oh, voi due mi sembrate interessanti. Ma a che serve? Colui che non darà ad Ogun volontariamente, cederà carne più cara per ordine stesso di Ogun). in The Road,pag.59,


Più letti

Martedì, 17 Settembre 2019
La primavera di Belgrado
Martedì, 14 Maggio 2019
Exco 2019 15-16.17 maggio 2019
Giovedì, 13 Giugno 2019
Indocina (Festival dell'oriente 2018)
Martedì, 17 Settembre 2019
INTERVISTA con Bruno Grassetti