I personaggi della strada in the road

E' proprio la circostanza in cui Kotonu sente di avere offeso Ogun, che permette lo svolgimento dell'azione scenica in un crescendo di significati e di tensioni, fino al suo drammatico epilogo. Il fatto era accaduto durante l'ultimo festival dei camionisti, mentre un Egungun danzava attraverso la strada; Kotonu lo aveva investito e, credendo di averlo ucciso, ne aveva nascosto il corpo in fondo al camion.

Poi, temendo la reazione di coloro che seguivano la danza e partecipavano alla festa, aveva indossato la maschera sporca di sangue e, pur rabbrividendo dall'orrore, aveva continuato a danzare aspettando che gli altri se ne andassero.

Uomo che indossa la maschera del dio Ogun e viene invasato, poiché lo rappresenta. Lo stato di professione può avere luogo solo col proprio rituale, al tempo del festival, e con l'accompagnamento dei tamburi che danno frasi chiave e stabiliscono il modello ed il ritmo dell'intera procedura.

Kotonu era rimasto profondamente sconvolto da questo incidente; ma il colpo di grazia finale lo aveva ricevuto quando un pullman, che lo aveva sorpassato, era precipitato a causa del crollo di un ponte che ambedue avrebbero dovuto superare,

A questo punto, l'ex camionista decide di lavorare nell'Aksident Store del professore; di fronte al rammarico di Samson, egli cerca di spiegare che non sopporta più di dover tornare sulla strada, né di dover ancora soffrire. E si abbandona infine ad una lunga, epica commemorazione di eroici camionisti, suoi amici che sono morti sulla strada:

Lo stato di possessione può essere autoipnosi ma perfino ammettendo ciò, questo non lo rende meno genuino. Quando colui che indossa la maschera Egungun sperimenta la possessione, egli mette in atto la danza rituale con una abilità oltre l'usuale. Il suo spirito si è momentaneamente allontanato, o e mantenuto in qualche iato,e lo spirito ancestrale entra nel corpo. In The Road, Soyinka usa la parola Egungun per riferirsi alla maschera ed al suo indossatore, insieme nei vari stadi di possessione. La maschera in se stessa quando non è indossata dal suo vero destinatario, è semplicemente "the mask", una cosa, un oggetto intarsiato.

Where is Zorro who never returned from the Korth without a basket of guinea-fowl eggs? Where ìs Akanni the Lizard? I have not seen any other tout who would stand on the lorry's and play the samba at sixty miles an hour. Where is Sigidi Ope?Where is Joe who took on six policemen at the crossing and knocked them ali into the river?.

La drammatizzazione di Kotonu dà una sensazione mista di morte, e dell'immortalità che si raggiunge con la morte; egli crea cosi una mitologia dei camionisti, un Pantheon che nasce dalla stessa strada e dalla morte che vi sì incontra.

Al termine della discussione tra Samson e Kotunu, quest'ultimo, ormai deciso a sostituire il defunto Sergente Burma nella sua attività di rivenditore di pezzi usati, si ritira dalla scena lasciando spazio

(1), SOYINKA, Wole, The Road,pag.21.

(Dove sta Zorro che non e mai tornato dal Nord senza un cesto di uova di gallina faraona? Dove è Akanni, la lucertola? Non ho visto alcun altro accompagnatore che potrebbe stare in piedi a ballare la samba su un camion a sessanta miglia all'ora» Dove sta Sigidi Ope? Dove sta Joe che mise sotto sei poliziotti ad un incrocio e li scaraventò giù nel fiume?).,

ad un nuovo personaggio: Say Tokio Kid. Questi è in netto contrasto con Kotonu: parla velocemente, si muove in continuazione, ha l'aria spavalda di un cow-boy, è orgoglioso del suo ruolo di trasportatore di legno e non di semplici passeggeri. Egli è una strana mescolanza di idee e costumi tradizionali ed occidentali. L'elemento tradizionale è manifestato dalla convinzione che tutti gli alberi della foresta sono abitati da spiriti, i quali permangono anche nei pezzi di legname da lui trasportati, costituendo un grande pericolo nel suo lavoro giornaliero. L'elemento occidentale è manifestato per lo più nella lingua Say Tokio Kid, che appare fortemente influenzata dai films occidentali di genere Western e Gangster; egli inoltre mostra una particolare attitudine verso le armi da fuoco, come si pub vedere nel punto in cui appare il poliziotto Particulars Joe:"

Seeithe officer and recoils. Makes to pull an immaginary gun from his belt.(1).

in The Road, pag.76.

Ma oltre a ciò, Say Tokio Kid si guadagna la vita offrendo i suoi servizi in loschi affari. Egli è il capo di una banda di delinquenti che vengono assoldati da un politico, il Chief-in-Town, per disturbare un incontro politico di un suo avversario. Dal colloquio tra i due, si nota una certa familiarità che scaturisce da una lunga consuetudine di affari in comune; quindi, attraverso il Chief-in-Town ed il suo reclutamento di delinquenti in qualità di guardia del corpo, Soyinka rappresenta i violenti metodi politici . che portarono la Nigeria al disastro e alla fine della politica civile per un lungo periodo. Il breve ritratto del politico vuole raffigurare l'ordine infranto, tramite la rappresentazione comica. Infatti, per quanto riguarda la trattazione dell'argomento riguardante l'autorità e la legge, si può affermare che Soyinka è fondamentalmente satirico.

 

A completare tale quadro contribuisce l'apparizione sulla scena del poliziotto Particulars Joe, il rappresentante della legge che, a causa della sua completa disonestà, diventa addirittura una minaccia all'ordine. La fiducia del sistema che egli rappresenta rischia di venire meno negli autisti, che trovano meno difficoltà a procurarsi licenze false. Il ciclo della corruzione ed i risultati che ne derivano rinforzano la corruzione stessa, che in tal modo non finirà mai.

Dispensatore di licenze false è lo stesso Professore, che serve così ad esprimere ancora una volta la satira di Soyinka verso la società corrotta. Egli approfitta della defezione di Kotonu per dare una falsa licenza a Saluto, particolarmente interessato ad ottenerla, dietro compenso.


Più letti

Martedì, 17 Settembre 2019
La primavera di Belgrado
Martedì, 14 Maggio 2019
Exco 2019 15-16.17 maggio 2019
Giovedì, 13 Giugno 2019
Indocina (Festival dell'oriente 2018)
Martedì, 17 Settembre 2019
INTERVISTA con Bruno Grassetti